Friday, April 04, 2008

Non vuoi andare a votare? sbagli!

Spesso in questi ultimi tempi la disillusione per la politica mista all'effetto-casta e al populismo grillesco provoca nelle persone il moto di disprezzo e la voglia di non andare a votare.
Ebbene, in parte vi capisco, ma sbagliate, e di grosso pure!
Come dice il buon Bisco nel suo ottimo e puntualissimo post Astensionismo Attivo. Vademecum
"Come ben sapete l’astensionismo passivo non fa percentuale di media votanti e riguardo alle elezioni legislative il nostro sistema di attribuzione non prevede nessun quorum di partecipazione (a differenza dei referendum dove è richiesto un quorum del 50%+1 degli elettori). Quindi se anche per assurdo nella consultazione elettorale votassero tre persone, ciò che uscirebbe dalle urne sarebbe considerata valida espressione della volontà popolare e si procederebbe quindi all’attribuzione di tutti i seggi in base allo scrutinio di tre schede. Altresì le schede bianche e nulle, che sono percentuale votante, vanno a formare un unico cumulo da ripartire nel cosiddetto premio di maggioranza…. (per assurdo sempre votando bianca o nulla se alle prossime elezioni vincesse Berlusconi le suddette schede andrebbero attribuite -tutte- nel premio del PDL)."
ovvero non andare a votare significa dire "me ne sbatto, per me Nano o Topo Gigio pari sono, fate quel ca**o che volete...

Un modo per uscire da questa situazione ed esprimere la propria protesta in modo formale però c'è:
"E’ infatti facoltà dell’elettore di recarsi al seggio e una volta fatto vidimare il certificato elettorale, avvalersi del diritto di rifiutare la scheda, assicurandosi di far mettere a verbale tale opzione."

Vi invito a leggere il post completo, che contiene tutte le informazioni del caso, compreso un link che spiega nel dettaglio tutto quanto ed un esempio di come partiti e partitini provano sempre a truffare i cittadini....

Capito ceppo? Capito lollo? Al seggio ci si va sempre e comunque!


Technorati Tags: ,

7 comments:

lorenzo guidi said...

ho ricevuto due giorni fa una email proprio su questo articolo.
la prima cosa che ho fatto è andare su internet a cercare la veridicità di tale informazione e ho scoperto dopo pochissimo che si tratta della solita bufala che gira su internet.
la storia del regolamento per il premio di maggioranza è una grandissima cavolata.. esiste ma è tutt'altra cosa.
ora non ho tempo di darti il linkma lo farò il prima possibile.

ciao

Diego said...

no davvero? e io che mi son fidato di bisco...

Bisco said...

Sto controllando e al momento ho trovato questo post interessante

oltre al vademecum c'è un link alla camera dei deputati

L’articolo è il 104, comma 5.

Vi consiglio vivamente di leggere indicazioni sul Rifiuto o restituzione con verbalizzazione delle schede: riferimenti normativi e prime indicazioni
del sito riforme.net

Marco Cepetos said...

Ma scusa,io decido di votare...mi presento al seggio di Cuccurano,espongo la mia (non)scelta e vuoi che non escano casini?Di sicuro mi dicono che non posso farlo,allora io tiro fuori il regolamento,passa un'ora,loro chiamano i carabinieri,arriva la Vale con FanoTv e arriva il sindaco a chiedermi che cazzo di casino sto combinando...e perdo una domenica per dare un mio voto contro Silvio quando altri 100 italiani cambieranno idea tra venerdì e sabato e voteranno per lui visto che in una settimana farà in tempo a dire che salverà anche la Telecom,che toglierà Ici,Irpef ed ed in aggiunta farà restituire il mondiale del '94 all'Italia...
Mi son già organizzato una bella domenica di libertà dopo tante domeniche di "lavoro" e la rispetterò a pieno.
Mi spiace,sono sfiduciato,sbaglio di sicuro,ma vado fino in fondo.

Diego said...

>farà in tempo a dire che salverà anche
>la Telecom,che toglierà Ici,Irpef
>ed ed in aggiunta farà restituire il mondiale
>del '94 all'Italia...
Hai dimenticato Ronaldigno, che è quasi sicuro del Milan...
Vabbè ceppo fai te... ma se veltroni perde per un voto vengo a cercarti a casa!

lorenzo guidi said...

cmq ammettiamo che questa cosa sia vera.

Non mi dispiacerebbe affatto che il mio voto perso vada a colui che vince, così potrà avere una maggioranza più unita, sia da una parte che dall'altra.. cmq deciderò se votare la mattina di lunedì.

Bisco said...

In questi ultimi giorni ho riflettuto bene su questa cosa.

Ho postato l'iniziativa del non-voto ufficializzato sul mio blog, ma ho deciso comunque di andare a votare.

Mentre per le comunali ho la Lista Civica Amici di Beppe Grillo, per le politiche voterò per tutti tranne che per Veltrusconi.

Berlusconi lo conosciamo, ma Veltroni per i più è cosa nuova. Leggetevi "Modello Roma. Il grande bluff" di Benedetto Marcucci. Vi si chiariranno le idee su molte cose, che in 30 anni hanno fatto di Roma quella che è.