Thursday, December 14, 2006

...



"Quei bulli razzisti mi insultano sul bus" Ragazza marocchina non torna più a casa

Amina è scomparsa. Diciassette anni, sordomuta, senza soldi, documenti né telefonino, martedì mattina è uscita di casa e non è tornata. Amina non voleva più salire sul pulmino della scuola. Lunedì sera era scoppiata a piangere davanti alla madre: "Ti prego, non voglio più andarci. Mi prendono in giro. Mi spingono. Dicono: "Torna al tuo paese, puzzi come tutti i marocchini"". La madre, Aziza Haddi, aveva cercato di consolarla, ma era rimasta ferma sulle sue decisioni: "La scuola è troppo lontana. Non posso accompagnarti tutte le mattine". Le aveva chiesto però di scrivere i nomi dei compagni che l'avevano aggredita, per poi parlarne con il preside.

1 comment:

marti said...

l'idea che (un eventuale) mio figlio potrebbe diventare come questi tizi qui nonostante i buoni insegnamenti che forse (spero) riuscirò a trasmettergli, mi rattrista e non poco.