Thursday, August 30, 2007

Il mutuo e i giovani. Ma questa è Milano?

Or ora leggo sul corriere questo articolo, e mi viene da pensare che in questo paese si parla solo di tasse, tasse, tasse, rom, negri e albanesi, ma alla fin fine dei problemi della gente non gliene frega un cazzo a nessuno...

Il mutuo e i giovani. Ma questa è Milano?
Avete letto la lettera, comparsa ieri in questa pagina (clicca qui), della ragazza che aveva comprato la casa dei suoi sogni (di 40 mq) e un anno dopo è stata costretta a venderla perché il mutuo caldamente consigliato dalla banca era passato da 1.000 a 1.500 euro al mese? Dove aggiunge che, beffa delle beffe, al fondo stanziato per i giovani che acquistano la prima casa, lei non ha diritto, perché non è sposata? In poche ore sono arrivati oltre cento messaggi con storie simili alla sua, che narrano come la vita dei giovani sia diventata impossibile a Milano, stretti come sono, da un lato, tra precarietà, stipendi fermi ai valori della lira e prezzi delle case alle stelle e, dall'altro, tra banche che non di rado sembrano aver imparato la lezione degli usurai. Non sa, chi amministra e decide, che una città senza giovani si spegne, asfissiata dalla mancanza di creatività e di idee nuove che solo da loro possono venire? Inutile illudersi, succederà anche a Milano, che pur è stata per decenni metropoli creativa per antonomasia. Non sarebbe allora il caso — provvedimento minimo — di allargare anche ai single quel contributo per la prima casa, magari chiedendo ai consiglieri regionali, già ampiamente stipendiati, di rinunciare al nuovissimo aumento di 350 euro mensili che si sono concessi, e di utilizzarlo per cercare di conservare alla città i suoi migliori giovani?

Di seguito la lettera originale e i commenti sul forum.


Technorati Tags: ,

Powered by ScribeFire.

1 comment:

martina said...

Tutte le lettere che ho letto mi hanno decisamente messo una gran tristezza...:-(! aimè!